Villaggio Gofree

Estate

TERRITORIO ESTATE

ESCURSIONI A PIEDI O IN MOUNTAIN-BIKE:

A Pragelato è possibile effettuare emozionanti ed interessanti escursioni a piedi o in bicicletta all’interno di bellissimi scenari naturali, sia nei Parchi che tra le borgate, per raggiungere le cime più alte e godere di una meravigliosa vista, oppure i rifugi per riposarsi e degustare ottimi piatti. Sono presenti numerosi tracciati adatti a tutti, dai principianti ai più esperti.

PARCO NATURALE VAL TRONCEA:

Situato interamente all’interno del comune di Pragelato, nel cuore delle Alpi Cozie, si estende per 3.280 ettari, che corrispondono anche all’altitudine della sua cima più alta, la Rognosa. Il territorio protetto è delimitato per gran parte del suo perimento da cime di oltre tremila metri di altitudine e ha inizio all’imbocco della valle dopo le ultime frazioni abitate di Pragelato. Il Parco Naturale offre sentieri escursionistici di diversi livelli e difficoltà, dai più semplici nel fondo valle ai più impegnativi che raggiungono i colli e le cime più alte. Tra le molte mete raggiungibili, oltre a numerose cime, si possono citare le sorgenti del Torrente Chisone, i numerosi laghi e le famose miniere del Beth che a cavallo del 1900 venivano utilizzate per l’estrazione di calcopirite. La fauna presente all’interno del parco è tipicamente alpina e comprende camoscio, capriolo, cervo, volpe, marmotta, aquila e molti altri. Il lupo, a lungo assente dalla valle, è tornato spontaneamente negli anni ’80, ed oggi popola nuovamente l’intera Val Chisone. Inoltre la valle ospita alcuni alpeggi che d’estate vengono pascolati da bovini e ovini, con la produzione di formaggi d’alpeggio. La vegetazione arborea del parco è composta prevalentemente da conifere di vario tipo tra cui larice, pino cembro e pino uncinato. Vi è inoltre una ricchissima flora erbacea e arbustiva che in estate da vita a spettacolari fioriture; tra le specie più comuni e con fioritura vistosa troviamo rododendro, stella alpina, serpillo, genziane, campanule… La valle ospita due rifugi: uno all’ingresso del parco, vicino alla borgata Laval, e uno a quota maggiore, in borgata Troncea.

PARCO NATURALE ORSIERA ROCCIAVRÈ:

Occupa un territorio suddiviso fra tre valli: la Val Chisone, la Val Sangone e la Val Susa. Il parco si sviluppa all’interno di un tipico ambiente alpino, con quattro cime sopra i 2.800 metri (Monte Orsiera, Rocca Nera, Punta Cristallina, Punta Gavia). Il paesaggio è caratterizzato dalla presenza di numerosi laghi di origine glaciale e da brevi e ripide valli modellate dai corsi d’acqua. All’interno del parco non esistono stanziamenti umani permanenti lungo tutto l’arco dell’anno ad eccezione del Rifugio Selleries, aperto dal 2006 tutto l’anno. Esso è inoltre l’unico rifugio, tra i quattro del parco, situato in Val Chisone ed quello che si trova alla quota maggiore. La flora del parco è particolarmente interessante poiché il territorio protetto copre un’ampia fascia altitudinale passando così da boschi di latifoglie, a boschi di conifere fino a praterie alpine e vallette nivali tipiche dell’alta quota. La fauna presente all’interno del parco è tipicamente alpina e comprende camoscio, capriolo, cervo, volpe, marmotta, aquila… e il lupo, che da alcuni anni popola nuovamente la Val Chisone e la Val di Susa.

PARCO NATURALE GRAN BOSCO DI SALBERTRAND:

È situato in Valle di Susa, sulla destra orografica del fiume Dora Riparia, tra il comune di Sauze d’Oulx e quello di Chiomonte, estendendosi in quota fino al crinale che fa da confine tra la Valle di Susa e la Val Chisone, solcato dalla famosa strada dell’Assietta. Nella zona di cresta si trovano le tracce della famosa battaglia dell’Assietta (19 luglio 1747 – episodio significativo della guerra di Successione Austriaca): trinceramenti elevati in muretti a secco, che circondavano completamente il Piano dell’Assietta, il rilievo della Testa dell’Assietta e la Rocca del Gran Serin. Presso la Testa dell’Assietta (2.556 m s.l.m.) si trova il cippo eretto nel 1882 dal CAI a ricordo della tragica battaglia che vide vincitori i 7.500 piemontesi del Generale Cacherano di Bricherasio contro i 20.000 francesi guidati dal Cavaliere Bellisle. La flora e la fauna presenti sono tipiche dell’ambiente alpino.

PARCO NATURALE VAL TRONCEA:

Situato interamente all’interno del comune di Pragelato, nel cuore delle Alpi Cozie Situato interamente all’interno del comune di Pragelato, nel cuore delle Alpi Cozie, si estende per 3.280 ettari, che corrispondono anche all’altitudine della sua cima più alta, la Rognosa. Il territorio protetto è delimitato per gran parte del suo perimento da cime di oltre tremila metri di altitudine e ha inizio all’imbocco della valle dopo le ultime frazioni abitate di Pragelato. Il Parco Naturale offre sentieri escursionistici di diversi livelli e difficoltà, dai più semplici nel fondo valle ai più impegnativi che raggiungono i colli e le cime più alte. Tra le molte mete raggiungibili, oltre a numerose cime, si possono citare le sorgenti del Torrente Chisone, i numerosi laghi e le famose miniere del Beth che a cavallo del 1900 venivano utilizzate per l’estrazione di calcopirite. La fauna presente all’interno del parco è tipicamente alpina e comprende camoscio, capriolo, cervo, volpe, marmotta, aquila e molti altri. Il lupo, a lungo assente dalla valle, è tornato spontaneamente negli anni ’80, ed oggi popola nuovamente l’intera Val Chisone. Inoltre la valle ospita alcuni alpeggi che d’estate vengono pascolati da bovini e ovini, con la produzione di formaggi d’alpeggio. La vegetazione arborea del parco è composta prevalentemente da conifere di vario tipo tra cui larice, pino cembro e pino uncinato. Vi è inoltre una ricchissima flora erbacea e arbustiva che in estate da vita a spettacolari fioriture; tra le specie più comuni e con fioritura vistosa troviamo rododendro, stella alpina, serpillo, genziane, campanule… La valle ospita due rifugi: uno all’ingresso del parco, vicino alla borgata Laval, e uno a quota maggiore, in borgata Troncea.

PARCO NATURALE ORSIERA ROCCIAVRÈ:

Occupa un territorio suddiviso fra tre valli: la Val Chisone, la Val Sangone occupa un territorio suddiviso fra tre valli: la Val Chisone, la Val Sangone e la Val Susa. Il parco si sviluppa all’interno di un tipico ambiente alpino, con quattro cime sopra i 2.800 metri (Monte Orsiera, Rocca Nera, Punta Cristallina, Punta Gavia). Il paesaggio è caratterizzato dalla presenza di numerosi laghi di origine glaciale e da brevi e ripide valli modellate dai corsi d’acqua. All’interno del parco non esistono stanziamenti umani permanenti lungo tutto l’arco dell’anno ad eccezione del Rifugio Selleries, aperto dal 2006 tutto l’anno. Esso è inoltre l’unico rifugio, tra i quattro del parco, situato in Val Chisone ed quello che si trova alla quota maggiore. La flora del parco è particolarmente interessante poiché il territorio protetto copre un’ampia fascia altitudinale passando così da boschi di latifoglie, a boschi di conifere fino a praterie alpine e vallette nivali tipiche dell’alta quota. La fauna presente all’interno del parco è tipicamente alpina e comprende camoscio, capriolo, cervo, volpe, marmotta, aquila… e il lupo, che da alcuni anni popola nuovamente la Val Chisone e la Val di Susa.

GOLF:

Pragelato ospita un campo da golf a 9 buche di una lunghezza complessiva di 2.876 m immerso in un affascinate paesaggio di montagna. E’ presente anche un campo pratica dove è possibile, anche per i principianti, cimentarsi in questo sport.